“COSTRUTTORI DI BABELE” sulle tracce di architetture fantastiche e universi irregolari in Italia

Casa Editrice Elèuthera, un progetto di Gabriele Mina. Ho conosciuto Gabriele Mina, l’autore di questo libro, in occasione della sua visita a Gambassi, dedita a visionare le opere dell’eremita Maurizio Becherini, grande “Costruttore di Babele”. Il libro è molto interessante e di piacevole lettura, ma credo non ci sia miglior modo per descriverlo, che inserire una parte della breve sintesi riportata sulla “quarta di copertina” dello stesso:

Sono questi i “costruttori di Babele”: artisti irregolari che hanno realizzato -fuori o ai confini dell’ufficialità e del mercato dell’arte- un proprio universo immaginario. Questa originale ricerca sui luoghi “al margine” delinea così una geografia anarchica animata da misconosciuti autodidatti che hanno consacrato decenni della loro vita a un opera totale. Storie affascinanti e inconsuete di “immaginazione abusiva” affidate a differenti ricercatori che si misurano sul racconto delle loro imprese, sul paesaggio in cui nascono, sul destino di quei fragili universi. 

Gabriele Mina, insegnante e ricercatore in antropologia, vive a Savona. Si è occupato in particolare dei rituali del tarantismo mediterraneo, della storia del corpo e della rappresentazione del diverso, dell’arte irregolare.

Il sito riguardante questo progetto: http://www.costruttoridibabele.net/

Per contatti e segnalazioni “babeliche”: gabrielemina@hotmail.com

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: