PRIMA USCITA DEDICATA ALLE MACRO

Finalmente ieri ho avuto un po’ di tempo (per di più sereno) per fare una bella passeggiata all’insegna della macro-fotografia.

Il primo soggetto è stato quello che m’ha dato più soddisfazioni: una misumena appostata su di un petalo di boragine; il contrasto tra il giallo e il blu è fantastico, l’insetto è stato estremamente paziente. E’ si, perché fotografare insetti in movimento con a disposizione pochissimi millimetri di profondità di campo è molto molto molto impegnativo.

Questo è stato il secondo modello.

La foto dell’ape l’ho fatta appostandomi sul fiore, quando l’ape si è appesa il fiore si è abbassato un pochino, quando ho visto che l’ala era leggerissimamente tagliata ho cercato di “rimediare” in post produzione tagliando anche un po’ di… sedere, la foto originale era orizzontale; la testa è mossa.

Questa non è una macro, le chiamano close-up, praticamente il soggetto non è abbastanza ingrandito.

Questa tipula sembrava in posa, ho avuto il problema che fosse troppo alta rispetto al treppiedi, quindi ho scattato a mano libera sbagliando la messa a fuoco, poi è volata.

Tornato a casa, sulle ali dell’entusiasmo, ho provato a fotografare le mie caridine italiane “gravide” nel mio acquario, ho usato un flash ausiliario, ma la frenesia dei soggetti mi ha penalizzato.

E’ possibile visualizzare tutte le foto qui.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: